Palazzo Diamanti

Riapre “Antonio Ligabue. Una vita d’artista”
L’antologica allestita a Palazzo dei Diamanti documenta attraverso oltre cento opere l’intera parabola artistica di Antonio Ligabue, uno degli artisti più originali del Novecento. Nel percorso emergono i temi fondamentali della sua ricerca: dal diario intimo degli autoritratti ai paesaggi del cuore, dai ritratti alle nature morte, dagli animali selvaggi a quelli domestici, dai paesaggi agresti alle scene di caccia e alle tormente di neve.

Un racconto che pone l’accento sulla singolarità della sua poetica e rivela la forza naturale, pura e istintiva del suo genio. Ti aspettiamo dal lunedì al venerdì, dalle 10.30 alle 19.30!
  Acquista il tuo biglietto E per chi non può ancora raggiungerci… C’era una tigre sul Po. Storie meravigliose e selvagge Sabato 13 febbraio ore 17 Un coinvolgente racconto dedicato ad Antonio Ligabue per conoscerne la vita avventurosa e i quadri potenti e simbolici. A seguire, un’attività di laboratorio consentirà di realizzare un personale paesaggio in cui i ricordi diventano, come in un sogno, storie meravigliose e selvagge. 7 € a partecipante | Prenotazioni entro sabato 13 febbraio, ore 13 Prenota subito
Antonio Ligabue. Una vita d’artista
Palazzo dei Diamanti | Fino al 5 aprile 2021 
Aperto dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 19.30
(la biglietteria chiude 30 minuti prima)

Informazioni mostre e musei di Ferrara  
diamanti@comune.fe.it /// www.palazzodiamanti.it

Il carnevale degli Este

In occasione del Carnevale degli Este, si possono incontrare cortigiani, dame, principi, cantastorie e armati tra le vie del centro storico, nelle piazze, nei palazzi rinascimentali e tra le mura del possente Castello. La ricca varietà di occasioni di intrattenimento e di degustazione della gastronomia locale nel contesto di scenari costituiti da prestigiose architetture e monumenti – sontuosamente allestiti dai rievocatori storici del Palio di Ferrara – è a cura delle Contrade, che ospitano turisti e maschere nelle loro sedi in cene, banchetti, aperitivi e spettacoli ispirati alle feste che si tenevano in città durante i carnevali del XV e XVI secolo. Come nelle edizioni degli anni precedenti, alle iniziative ludiche e gastronomiche si accostano recite teatrali, pantomime e danze a cura dei gruppi di danza storica delle Contrade del Palio, oltre ad ulteriori spettacoli ed animazioni di piazza curate da compagnie teatrali provenienti dalle Marche, dal Friuli Venezia Giulia e da altre province della regione. Nel programma spiccano anche eventi di approfondimento culturale, quali conferenze ed incontri a cura di studiosi locali e nazionali, oltre al concerto d’apertura curato dal Conservatorio Frescobaldi di Ferrara. Il pubblico può sperimentare la paurosa durezza del processo e della tortura medievale o lasciarsi rapire dal suggestivo spettacolo della proiezione sulle pareti interne di Casa Romei, ricca abitazione del XV secolo miracolosamente conservatasi, delle policromie che affrescavano originariamente il prestigioso edificio. Da non perdere il tradizionale corteo storico, quest’anno dedicato a ben due personaggi maschili: i fratelli Alfonso e Ippolito d’Este, artefici della gloriosa vittoria di Polesella sulle armate veneziane nel lontano 22 dicembre 1509. Per assaporare le atmosfere del trionfo, dopo cinquecento anni, non resta che recarsi a Ferrara!

Programma

>>> ALCUNI EVENTI  DEL PROGRAMMA


GIOVEDI’ 20 FEBBRAIO
> dalle 16.00 alle 18.00
Palazzo Bonacossi, Salone d’Onore, via Cisterna del Follo 5
INAUGURAZIONE EDIZIONE 2020
Con partecipazione del Coro Universitario diretto dal m.° Francesco Pinamonti. Per l’occasione, sarà esposta e presentata al pubblico una selezione delle nove polene lignee appartenute alle galee veneziane sequestrate durante la battaglia del 1509, a cura dei Musei Civici di Arte Antica. A seguire, Il “felicissimo successo” della Polesella, tra Ippolito e Alfonso d’Este, conferenza di Marialucia Menegatti (responsabile editoriale dell’associazione Ferrariae Decus di Ferrara). Ingresso libero.

> dalle 18.15 alle 19.30
Casa Romei, via Savonarola 30
CONCERTO INAUGURALE
Odi le trombe? È il fragor del Carnevale! Concerto inaugurale dell’Ensemble di trombe barocche del Conservatorio Girolamo Frescobaldi di Ferrara, a cura di Michele Santi e Martina Dainelli. Seguirà brindisi.
——————————–
VENERDI’ 21 FEBBRAIO
> ore 21.00
Sala della Musica, chiostro di San Paolo Via Boccaleone 19
Gli sposi promessi, commedia a cura della Compagnia della Vipera in collaborazione con il Gruppo Armonie di Danza della contrada rione San Paolo. Ingresso libero (349 0953469)
——————————–
SABATO 22 FEBBRAIO

> ore 15.00
Piazza Savonarola
“Il Serraglio”. Torturatio Glemonensae: animazioni e intrattenimenti a cura del gruppo storico “Giochi e torture” dell’Associazione Pro Loco Pro Glemona, Gemona del Friuli (Ud).

> dalle 15.30 alle 16.30
Porta Paola, via Donatori di Sangue/Piazza Travaglio
CORTEO STORICO
Partenza del Corteo Storico con 250 figuranti: dame, cavalieri, vessilliferi, armati, la duchessa Lucrezia Borgia e il giudice dei Savi Antonio Costabili accompagnano l’ingresso trionfale in città del duca Alfonso e del cardinale Ippolito d’Este, artefici della vittoriosa battaglia della Polesella: a cura dei figuranti delle contrade del Palio di Ferrara, della Compagnia Estense di San Michele-Gruppo Armati dell’Ente Palio di Ferrara, con la partecipazione della Compagnia di fanti “I Conestabili del Finale” (Finale Emilia, Modena).

> dalle ore 21:00 alle 04:00
Sala Estense, piazza del Municipio 2
L’ASSIUOLO
L’Assiuolo, commedia di Giovan Maria Cecchi, a cura della Compagnia del Vado della Contrada Rione Santa Maria in Vado, con la partecipazione del Gruppo Danza “L’Unicorno”. Entrata ad offerta libera
————————————
DOMENICA 23 FEBBRAIO

> Ore 16.45 Piazza del Municipio
POLESELLA 1509: VA IN SCENA LA BATTAGLIA, rievocazione animata dei cruenti scontri tra i soldati estensi e veneziani nel dicembre del 1509 lungo le sponde, gli argini e le golene del Po, nei pressi di Polesella: a cura della Compagnia Estense di San Michele-Gruppo Armati dell’Ente Palio di Ferrara.
————————–

Ingresso gratuito nelle giornate di sabato 22 e domenica 23 febbraio 2020 nei seguenti Musei Civici:
– Palazzina di Marfisa d’Este
– Museo di Storia Naturale
– Museo del Risorgimento e della Resistenza
– Museo della Cattedrale
– Padiglione d’Arte Contemporanea

Tre sedi per una mostra

800/900. Cultura e società nell’opera degli artisti ferraresi dalle raccolte GAMC, Assicoop Modena&Ferrara, BPER Banca

Ferrara,
Museo di Casa Romei,
Palazzo Bonacossi,
Palazzina Marfisa d’Este

22 settembre / 1 dicembre 2019
Assicoop
58 dipinti, disegni e sculture – tra gli altri di Boldini, Previati, De Pisis, Pagliarini, Minerbi, Mentessi, Funi e Melli – racconteranno alcuni aspetti significativi della vita pubblica e privata tra Ottocento e Novecento: i mutamenti del territorio e della città, gli affetti familiari, i luoghi del lavoro e dello svago, la devozione e le nuove forme di spiritualità, l’immaginario letterario e la memoria dell’antico.

La mostra mette a confronto opere provenienti da tre nuclei collezionistici ferraresi, le Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea, la Raccolta Assicoop Modena&Ferrara UnipolSai Assicurazioni, la Collezione BPER Banca (che custodisce ora il patrimonio artistico già della Cassa di Risparmio di Ferrara), ed è ospitata in tre importanti sedi museali storiche, Museo di Casa Romei, Palazzo Bonacossi, Palazzina Marfisa d’Este. L’intento della rassegna è quello di far scaturire un dialogo, sul piano storico e artistico, tra le opere esposte e l’allestimento permanente.

L’esposizione è organizzata dal Mibac, Direzione territoriale delle reti museali dell’Emilia-Romagna,  Museo di Casa Romei, Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea e Musei di Arte Antica del Comune di Ferrara, Fondazione Ferrara Arte, Assicoop Modena&Ferrara UnipolSai Assicurazioni e Legacoop Estense.

Musei Civici di Arte Antica
Legacoop

Orari e tariffe

In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, domenica 22 settembre, è in programma una visita guidata gratuita con i curatori (ore 15.30 presso Palazzina Marfisa d’Este e ore 17.30 presso Casa Romei). 

Museo di Casa Romei
Via Savonarola 28-30
Domenica – mercoledì 8.30-14; giovedì – sabato 14-19.30
Intero € 5 / Ridotto € 2
Gratuito fino ai 18 anni

Palazzo Bonacossi
Via Cisterna del Follo 5
Lunedì 9-13, martedì – sabato 9-18
Aperto anche la domenica con orario 9-13 dal 22 settembre al 1 dicembre
In occasione della mostra è prevista l’apertura straordinaria il giorno 1 novembre 2019
Chiuso i giorni festivi
Ingresso gratuito

Palazzina Marfisa d’Este
Corso Giovecca 170
Martedì – domenica 9.30-13 / 15-18
In occasione della mostra è prevista l’apertura straordinaria della Palazzina il giorno 1 novembre 2019
Chiuso dal 17 al 21 settembre e nei giorni 3 e 4 dicembre 2019 per l’allestimento e il disallestimento
Intero € 4 / Ridotto € 2
Gratuito fino ai 18 anni

Fabio Concato al Teatro Nuovo

concatohttps://www.teatronuovoferrara.com/index.php/spettacoli-teatro/stagione-spettacoli-2019-2020/85-teatro-eventi-ospitati/458-fabio-concato-in-concerto

Monumenti aperti

26 e 27 ottobre 2019

Ferrara – Sedi diverse
Il patrimonio artistico raccontato da giovani studenti in una due giorni di aperture gratuite dei monumenti
Programma
Sabato e domenica dalle ore 10:00 alle ore 17:30, in orario continuato:

– Porta Paola – Via Donatori di sangue, 22
– Ex Teatro Verdi – Via Castelnuovo 10
– Palazzo Tassoni Estense – Via della Ghiara, 36
– Palazzo Costabili, detto di Ludovico il Moro – Via XX Settembre, 122
– Casa di Biagio Rossetti – Via XX Settembre, 152
– Bagni Ducali – Viale Alfonso I d’Este, 17
– Centro culturale Slavich – Viale Alfonso I d’Este, 13
– Ex Chiesa di Santa Libera – Civico Lapidario – Via Camposabbionario, 1
– Palazzina Marfisa d’Este – Corso della Giovecca, 170
– Torrione di San Giovanni – Jazz club – Rampari di Belfiore, 167
– Convento di Santa Maria della Consolazione – Via Mortara, 92
– Palazzo delle Palestre – Viale F. Tumiati, 5
– Viale K – Il Mantello – Via Mura di Porta Po, 9
– Meis – Via Piangipane 81
– ASP – Centro Servizi alla Persona – Via Ripagrande, 5

Sabato ore 10-17.30:
Ex Arcispedale S. Anna – Corso della Giovecca 25

Sabato ore 15-17.30; Domenica ore 10-17.30:
Palazzo Bonacossi – Via Cisterna del Follo 5

Domenica: ore 10-16:
Cimitero Ebraico – Via delle Vigne 12

Sabato e domenica ore 10-16:
Chiesa di San Cristoforo e Certosa – Piazza Borso d’Este 50
Porta degli Angeli -Via Orlando Furioso

Sabato e domenica ore 10-13.30:
Polisportiva Bocce La Ferrarese – Via Orlando Furioso 8

Domenica ore 10-17.30:
Factory Grisù Via Mario Poledrelli 21
Palazzo Savonuzzi – Via Darsena 57
Ex Mof. – Corso Isonzo 137

Sabato e domenica ore 10-15, ogni ora.
Bus turistico: Giro della cinta
 muraria (prenot. consigliata)
Partecipazione gratuita

Contatti
Ferrara Off Teatro – Viale Alfonso I d’Este 13
tel. 333 6282360
info@ferraraoff.it
Orari
Ingresso a gruppi ridotti: ogni 15 minuti circa. Ultima entrata alle ore 17.00
Ingresso
Iniziativa gratuita

Oggi aperta

Eccezionalmente la si può visitare dalle 10 alle 18 in occasione delle Giornate d’autunno del FAI.

Casa Minerbi – Dal Sale

Gioiello del patrimonio storico ferrarese, Casa Minerbi – Dal Sale, da poco restaurata, è un complesso architettonico che si contraddistingue per l’affascinante dialogo fra antico e moderno, immediatamente percepibile negli ambienti interni dove si possono ammirare cicli pittorici trecenteschi collegati a spazialità contemporanee realizzate dal 1957 al 1963 dall’architetto milanese Piero Bottoni.
Casa Minerbi - Dal Sale
Il complesso è composto da un gruppo di corpi di fabbrica, collegati fra loro nel corso dei secoli, che nel Trecento appartenevano all’illustre famiglia Del Sale (o Dal Sale). L’isolato al cui interno sorge l’edificio, sia pure di origine altomedievale, si delineò nel corso del XIV secolo, anche grazie alla costruzione, per volontà di Alberto V d’Este, del vicino Palazzo Paradiso (1391), antica sede dell’Università, il cui ingresso principale si apriva un tempo su via Giuoco del Pallone. Lungo questa antichissima strada, dalla quale si accede anche a Casa Minerbi, gli studenti erano soliti giocare a palla, da qui il nome.
L’edificio in questione deve la sua fama soprattutto agli affreschi che nobilitano i due ambienti più prestigiosi dell’intero complesso e che si trovano nel fabbricato più interno (Casa Minerbi-Dal Sale); si tratta del Salone dei Vizi e delle Virtù e della Sala degli Stemmi, entrambi attribuiti al cosiddetto “Maestro di Casa Minerbi”, databili tra il 1360 ed il 1370. In particolare, gli affreschi dalla complessa simbologia dei vizi e delle virtù sono stati definiti, insieme a quelli del convento benedettino di Sant’Antonio in Polesine, come il nucleo più importante della pittura trecentesca ferrarese.
L’attuale denominazione della suggestiva dimora ha origine dopo il 1870, quando la famiglia Minerbi acquistò diverse proprietà con ingresso in via Giuoco del Pallone. Giuseppe Minerbi, colto e appassionato conoscitore d’arte, tra il 1953 ed il 1961 affrontò il restauro della propria abitazione e del salone affrescato. Il progetto complessivo per la realizzazione di tale intervento fu affidato a Piero Bottoni, noto architetto milanese, mentre il restauro dei celebri affreschi fu eseguito nel 1955 da Arturo Raffaldini ed Ottorino Nonfarmale, appena in tempo per evitare che i segni del degrado potessero cancellare per sempre un simile capolavoro.

 

È sede dell’Istituto di Studi Rinascimentali e del Centro di Studi Bassaniani, istituito dal Comune di Ferrara in seguito alle donazioni della professoressa Portia Anne Prebys che raccontano – grazie a più di cinquemila libri, documenti, oggetti d’arte e d’arredo – una parte significativa della vita e dell’opera dello scrittore ferrarese Giorgio Bassani.
Per Info: info@centrostudibassaniani.it; centrostudibassaniani@edu.comune.fe.it; 0532-760002/768208

Portia Prebys, Curatore – prebys@centrostudibassaniani.it
Gianni Venturi, Co-curatore – venturi@centrostudibassaniani.it

Appuntamenti ferraresi

L’affascinante cartografia catastale settecentesca del nostro territorio in una inedita presentazione del Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara

  • Fino al 6 gennaio 2020

  • Museo di Casa Romei – Via Savonarola 30 – Ferrara
  • Orari: da domenica a mercoledì 8.30-14.00; da giovedì a sabato: 14.00-19.30. La biglietteria chiude 30′ prima.
  • Ingresso: 5 euro, ridotto 2,00 euro (dai 18 ai 25 anni). Gratuito fino ai 18 anni e con MyFeCard. Ingresso gratuito la prima domenica del mese.

Jazz Club Ferrara – Torrione San Giovanni – Via Rampari di Belfiore 167

tel. 339 7886261 – 333 5077059

 

  • venerdì 11 ottobre
    THE TOWER JAZZ COMPOSERS ORCHESTRA
    Orchestra residente del Jazz Club Ferrara. Affidati alla direzione di Piero Bittolo Bon e Alfonso Santimone, gli oltre venti elementi mettono in gioco collettivamente le proprie idee musicali con creatività e sorprendente empatia, eseguendo un repertorio che affianca composizioni originali e rivisitazioni di brani provenienti da varie tradizioni.
    Sabato 12 ottobre, ore 21.30
    Mary Halvorson Code Girl
    Amirtha Kidambi, voce; Maria Grand, sax tenore; Adam O’Farrill, tromba; Mary Halvorson, chitarra; Michael Formanek, contrabbasso; Tomas Fujiwara, batteria
    Lunedì 14 ottobre, ore 21.30 Monday Night Raw.
    A Flor Da Pele – Chico Buarque tra musica e parole
    Daniella Firpo, voce; Gaia Benassi, voce recitante; Daniele Santimone, chitarra; Tiziano Negrello, contrabbasso; Roberto ‘Red’ Rossi, batteria
    Info e prenotazioni: 331 4323840 (tutti i giorni dalle 12 alle 22)
  • http://www.jazzclubferrara.com
  • Orari: apertura biglietteria 19.30 – Cena a partire dalle ore 20.00
    Inizio concerto 21.30 – Secondo set 23.00
    È previsto un solo set per i concerti firmati Monday Night Raw.
  • Ingresso: Interi da 15 a 25 euro; Ridotti da 10 a 20 euro.Il Jazz Club Ferrara è affiliato all’Endas, per poter fruire della programmazione è necessario essere in possesso della tessera. E’ possibile associarsi anche all’interno del Torrione.

Cinema Boldini

Mercoledì 9 ottobre ore 21.00
AT THE MATINEE
regia di Giangiacomo di Stefano (Italia/Germania/USA, 2017 – 85′) ingresso 5 euro
Incontro con il regista e con Marco Percorari (Rumore)
L’hardcore è uno stile di vita. È un mondo fatto di sudore, lividi e verità sputate in faccia. Giangiacomo De Stefano intervista i maggiori esponenti della scena punk newyorkese, attraversando i teatri in cui negli anni Ottanta si consumava la storia di questa musica ribelle. La sottocultura del punk con le sue atmosfere sonore, percussioni schizofreniche e chitarre stonate. Il regista getta uno sguardo a posteriori su un fenomeno dalla portata rivoluzionaria, fino al momento della disfatta, quando, alla gentrificazione dei quartieri underground, si accompagnano gli scontri con le autorità e le risse. Calando così il buio sul palcoscenico.
http://www.cinemaboldini.it/
Ingresso: a pagamento, salvo diversa indicazione

Ibs.it bookshop – Piazza Trento e Trieste – Palazzo S. Crispino – Ferrara

 

  • Mercoledì 9 ottobre ore 17.00
    Presentazione di Dina Galli e Francesca Mantovani
    UNO SGUARDO AL CIELO
    Dina Galli e Francesca Mantovani presentano
    Lavoro sociale e migrazioni. Il ruolo delle reti dei servizi sociali.
    Introduce Paola Bastianoni. Dialoga con le autrici Stefano Ravaioli
    Venerdì 11 ottobre ore 18.00
    Presentazione di Diego Marani
    Il ritorno di San Giorgio
    Dialoga con l’autore Luca Traini
    Venerdì 11 ottobre ore 20.00
    Presentazione di Lorenzo Mazzoni
    Il muggito di Sarajevo
    Sabato 12 ottobre ore 18.00
    Presentazione di Guido Barbujani
    Sillabario di genetica per principianti
    Dialoga con l’autore Andrea Pugiotto

    Sabato 12 ottobre e Domenica 13 ottobre
    Lezioni di Divinazione
    A scuola di magia
    Il mistero della camera dei segreti
    Le lezioni dureranno 45 minuti fra  i seguenti orari disponibili: 10.30, 12.00, 15.00, 16,00 per entrambe le giornate. Per ulteriori informazioni: eventife@libraccio.it
  • http://negozi.libraccio.it/eventi
  • Ingresso: libero