Festival Scorre Seconda edizione

Venerdì 2, sabato 3 e domenica 4 settembre torna Scorre – il Festival, con un palinsesto fatto di grandi nomi e imperdibili appuntamenti. Sul palco Noemi e Giuseppe Giacobazzi, e un’altra decina di eventi in Piazza Garibaldi di Bondeno e alla Rocca di Stellata.

++ LA BIGLIETTERIA È ALLESTITA PRESSO IL MUNICIPIO (0532 899 246) ++

(in fondo, il programma completo, aggiornato periodicamente)

«Tre spettacoli principali, sul grande palco di Piazza Garibaldi – rivela il sindaco, Simone Saletti, entusiasta di confermare il festival per la seconda edizione consecutiva –: venerdì sera avremo a Bondeno Giuseppe Giacobazzi, il divertentissimo attore romagnolo. Sabato, il festival proseguirà con l’Orchestra Giovanile Toscanini – NEXT, che suonerà musiche tratte dalle colonne sonore di famosi film. Domenica, chiuderemo con la grande e imperdibile voce di Noemi».

Scorre è realizzato in collaborazione fra la Città di Bondeno e l’associazione Promoter Emilia-Romagna (Per), con un contributo della regione Emilia-Romagna. Oltre ai tre spettacoli principali, organizzati sul palco di Piazza Garibaldi, sono previste altre iniziative musicali e culturali presso la Rocca Possente di Stellata, per un totale di una dozzina di eventi.

Ha lavorato alla realizzazione del festival l’assessore alla Cultura, Francesca Aria Poltronieri: «Gli appuntamenti culturali saranno il valore aggiunto. Dalla musica all’arte, passando per la letteratura». Il palinsesto, insomma, è davvero ricco. «Sarà una grande vetrina per il nostro territorio – conclude l’assessore alla Promozione del territorio, Michele Sartini».

INFO: 0532 899 246

_________________________________________________

IL PROGRAMMA DI SCORRE 2022

(questa sezione verrà periodicamente aggiornata)

VENERDÌ 2 settembre

  • Ore 10.00 – Biblioteca “Meletti” di Bondeno – Un coccodrillo speciale: lettura di fiabe legate al tema dell’acqua. L’esperienza è dedicata ai bambini dai 6 ai 10 anni. Ingresso gratuito su prenotazione (342 198 4674).
  • Ore 18.00 – Rocca Possente di Stellata (sala interna) – Cronache dal mondo e scritture di viaggio: Daniele Benati e Ivan Levrini in dialogo con Jean Talon, Cecilia Monina ed Ermanno Cavazzoni, nell’ambito de La vita e l’Opera di Gianni Celati. Primo appuntamento legato allo scrittore di origini bondenesi. Ingresso gratuito su prenotazione (in Municipio).
  • Ore 21.00 – Piazza Garibaldi di Bondeno – GIUSEPPE GIACOBAZZI & Friends Del mio meglio. Il comico romagnolo si esibirà accompagnato da Duilio Pizzocchi, Awed e I Masa. Spettacolo a pagamento a partire da 20 euro. Di seguito, il link ufficiale per ottenere il proprio biglietto: Giacobazzi – Boxer Ticket

(cliccando sull’immagine si accede direttamente alla biglietteria ufficiale)

Giacobazzi a Scorre 2022

SABATO 3 settembre

  • Ore 16.00 – Rocca Possente di Stellata (sala interna) – Il risvolto etico della scrittura, Daniele Benati e Ivan Levrini in dialogo con Michele Ronchi Stefanati, nell’ambito de La vita e l’Opera di Gianni Celati. Secondo appuntamento legato allo scrittore di origini bondenesi. A seguire: proiezione del documentario di Celati Strada provinciale delle anime. Ingresso gratuito su prenotazione (in Municipio).
  • Ore 16.00 – Museo Civico-Archeologico “G. Ferraresi” di Stellata – Fare l’archeologo, laboratorio per bambini dagli 8 ai 14 anni. I giovani archeologi impareranno a svolgere uno scavo e a identificare e restaurare i reperti rinvenuti. Ingresso gratuito su prenotazione (museostellata.gab@gmail.com o 335 727 9904).
  • Ore 18.00 – Rocca Possente di Stellata (parco esterno) – Il Po racconta: per il secondo anno, Germano Bonaveri torna per narrare la storia del territorio con i suoi personaggi storici e di fantasia con racconti, musica e leggende che accompagnano il Fiume e la sua gente. Ingresso gratuito su prenotazione (in Municipio) oppure a questo link: Bonaveri “Il Po Racconta” | Boxer Ticket .
  • Ore 21.00 ORCHESTRA TOSCANINI – NEXT, in scena presso Piazza Garibaldi a Bondeno con un repertorio musicale dedicato alle colonne sonore cinematografiche. Accesso gratuito su prenotazione. Prenotazioni possibili presso il Municipio oppure online: Orchestra Toscanini – Boxer Ticket

(cliccando sull’immagine si accede direttamente alla biglietteria ufficiale)

grafica orchestra toscanini 02

DOMENICA 4 settembre

  • Ore 6.45 – Rocca Possente di Stellata (parco esterno) – Concerto all’alba Two/Hundred live session, realizzato da due giovani musiciste del Conservatorio “Frescobaldi” di Ferrara. A seguire: colazione offerta dall’Amministrazione comunale e visita guidata alla Rocca e al Museo Archeologico. Ingresso gratuito su prenotazione (in Municipio) oppure a questo link: CONCERTO ALL’ALBA “TWO/HUNDRED” | Boxer Ticket .
  • Ore 9.00 – Piazza Garibaldi di Bondeno – Camminata all’insegna di natura e salute da Bondeno a Santa Bianca (e ritorno) organizzata da Avis Bondeno, con passaggio sullo storico Ponte Bailey per conoscerne i segreti e visita all’impianto idrovoro di Santa Bianca. Adesione su offerta libera: il ricavato sarà devoluto alla onlus di Ferrara “I frutti dell’albero”. Per info e prenotazioni: info@avis-bondeno.it.
  • Ore 16.30 – Museo Civico-Archeologico “G. Ferraresi” di Stellata – Inaugurazione mostra fotografica Il filo e il fiume di Paolo Simonazzi dedicata al fiume Po. Il catalogo verrà presentato da Davide Bregola. Accesso gratuito su prenotazione (museostellata.gab@gmail.com).
  • Ore 21.00 – Piazza Garibaldi di Bondeno – Concerto di NOEMI, che con la sua voce graffiante offrirà uno spettacolo di grande intensità. Ingresso gratuito su prenotazione, in Municipio oppure online: Noemi – Boxer Ticket

(cliccando sull’immagine si accede direttamente alla biglietteria ufficiale) 

Noemi ok Tavola disegno 1

_________________________________________________

I LUOGHI DI SCORRE – IL FESTIVAL

Piazza Giuseppe Garibaldi di Bondeno È la piazza principale del comune di Bondeno, su cui affaccia lo storico Palazzo Municipale. Un tempo nominata Piazza Castello, poi intitolata a Garibaldi in onore del celeberrimo discorso che il generale italiano declamò dal balcone del Municipio. Oggi è la sede del mercato settimanale del martedì, oltre che delle due fiere annuali, delle festività natalizie e di numerose altre attività. Per il fine settimana 2-3-4 settembre, Piazza Garibaldi ospiterà la comicità di Giacobazzi e il concerto di Noemi, oltre all’esibizione dell’Orchestra Giovanile Toscanini – NEXT.

(Piazza Garibaldi in allestimento per Scorre 2021)

Piazza Garibaldi Scorre 1

Rocca Possente di Stellata. È l’edificio più iconico e simbolico del territorio comunale. La sua origine risale attorno all’anno Mille. Nei secoli ha cambiato più volte la sua funzione: da avamposto difensivo a fortezza di controllo del transito delle merci, sino a luogo di cultura. Oggi fa parte del territorio inserito nell’area UNESCO Ferrara, Città del Rinascimento e il suo Delta del Po. Fortemente danneggiata dal tragico sisma del 20 maggio 2012, oggi è in dirittura d’arrivo con la riqualificazione. Presto tornerà ad essere un centro di aggregazione culturale ed enogastronomica. Gli importanti lavori di restauro sono stati descritti all’interno della summer schoool internazionale di architettura After the Damagesil cui video è disponibile qui .

(La Rocca Possente in occasione delle prime visite durante Scorre 2021. Sino a quel momento, era rimasta chiusa al pubblico dal 20 maggio 2012, giorno del sisma dell’Emilia)

Rocca Possente Scorre

_________________________________________________

OMAGGIO A GIANNI CELATI

La seconda edizione del festival ha come filo conduttore il ricordo dello scrittore di origini bondenesi Gianni Celati, scomparso nel gennaio del 2022 a Brighton. L’omaggio all’artista è curato da Daniele Benati e Ivan Levrini.

Gianni Celati, biografia – Nato nel ‘37 – Sei mesi di vita a Sondrio – Padre ferrarese, impiegato in banca, litiga col direttore, condannato per punizione a trasferirsi da un capo all’altro dell’Italia – Famiglia viaggiante – Tre anni a Trapani – Sette anni a Belluno – Tre anni a Ferrara – Liceo a Bologna – Viaggio in Germania e quasi matrimonio, ma lei si mette con un altro – Ritorno a casa – Passa il tempo – Servizio militare – Tesi di laurea – Si sposa – Epatite virale Raptus di scrivere come un certo matto che lo appassiona – Italo Calvino propone di farne un libro – Passa il tempo – Succedono delle cose – Vita in Tunisia, cerca di imparare l’arabo – Fallimento – Bologna, impiegato in una ditta di dischi che gli fa venire il mal di stomaco – Borsa di studio a Londra – Pubblica libro – Due anni alla Cornell University – Passa il tempo – Altro libro – Conosce un certo Sironi che lo mette a scrivere film falliti in partenza – Vita in California, Kansas e Queens – Passa il tempo, ancora – Come una volta – Parigi rue Simon-le-Franc, piccola strada – Bologna, insegna all’università I presidi!!! – Roba da matti! – Fuga – Si trasferisce in Normandia – Con amici vari trovati per strada inventa Il Semplice, Almanacco delle prose – Contenti tutti – Passa il tempo – Trasferimento in Inghilterra – Libri – Fa anche documentari – In Africa con Jean Talon – Africa, la sua patria, come Ferrara – Un anno a Berlino senza far niente – L’Italia invivibile – È andata così – Dal 1990 vive a Brighton, Inghilterra, con sua moglie.

I curatori dell’omaggio a Gianni Celati:

  • Daniele Benati è stato lettore di italiano all’estero e ha tradotto opere di scrittori irlandesi e americani. Ha pubblicato Silenzio in Emilia (Feltrinelli 1997, Quodlibet 2008), Cani dell’inferno (Feltrinelli 2004, Quodlibet 2018), Le opere complete di Learco Pignagnoli (Aliberti 2006) e altri lavori di narrativa.
  • Ivan Levrini insegna filosofia al liceo Ariosto-Spallanzani di Reggio Emilia. Ha collaborato con varie riviste fra cui “Discipline filosofiche”, “Il caffè illustrato”, “Il semplice” e “Griseldaonline”. Cura per la Fondazione “I Teatri” di Reggio Emilia il ciclo di conversazioni filosofiche dal titolo “Verso sera”. Scrive anche testi narrativi, tra cui: Semplici svolte del destino (Quiedit, 2011) e Vita coniugale (Quodlibet, 2017). Nel 2022 ha pubblicato un diario in dieci puntate su “Doppiozero”.ù

I relatori che si susseguiranno durante il festival per l’omaggio a Gianni Celati:

  • Ermanno Cavazzoni è autore di vari libri di narrativa, fra cui Il poema dei lunatici (1987), Le tentazioni di Girolamo (1991), Vite brevi di idioti (1994), Cirenaica (1999), Gli scrittori inutili (2002), Storia naturale dei giganti (2007), Il limbo delle fantasticazioni (2009), Il pensatore solitario (2015), La galassia dei dementi (2018), vincitore del Premio Campiello – selezione Giuria dei Letterati, La madre assassina (2020), Esame di Mezzanotte (2022). È stato, con Gianni Celati e altri, ideatore e curatore della rivista “Il semplice”.
  • Cecilia Monina è dottoranda in Studi Italiani alla Sorbonne Université di Parigi, sta lavorando a un progetto di ricerca sulle forme brevi nell’opera di Gianni Celati, e ha pubblicato contributi su Gianni Celati, Anna Maria Ortese e Giuliano Scabia. Collabora con le riviste “Nuovi Argomenti” e “La Balena Bianca”.
  • Michele Ronchi Stefanati ha ottenuto il dottorato di ricerca presso University College Cork e si è dedicato principalmente al rapporto tra la letteratura italiana contemporanea e l’impegno. Ha curato il volume Gianni Celati. Traduzione, tradizione e riscrittura (Aracne, 2019), selezione di contributi dei partecipanti al convegno Gianni Celati. Tradition, Translation, Rewriting, tenutosi a Dublino e a Cork nel 2016. È attualmente docente di letteratura italiana e storia negli istituti superiori.
  • Jean Talon è stato tra i redattori della rivista “Il Semplice, almanacco delle prose” (Feltrinelli 1995-1997), ha curato e tradotto opere di Henri Michaux e Georges Perec, e la collana Compagnia Extra per le edizioni Quodlibet (2008-2020). Nel 2016 ha pubblicato Incontri coi selvaggi (Quodlibet) e nel 2019 ha curato Narrative in fuga di Gianni Celati (Quodlibet).

Ornella Vanoni – Costruzione [1975]

Amò tutta la notte come fosse l’ultima. Baciò la donna sua come se fosse l’ultima ed ogni figlio suo come se fosse l’unico e attraversò la strada col suo passo timido. Salì la costruzione come fosse macchina. Alzò sul ballatoio due pareti solide, mattone per mattone in un disegno magico. Con gli occhi pieni zeppi di cemento e lacrime, sedette a riposare come fosse sabato, mangiò pane e formaggio come fosse un principe, bevette e singhiozzò come se fosse un naufrago, ballò e gorgogliò come ascoltasse musica ed inciampò nel cielo come un vecchio comico. E fluttuò nell’aria come fosse un passero, a terra si afflosciò come un paccheto flaccido, agonizzò nel mezzo del passeggio pubblico, si spense contromano ostacolando il traffico. (Amò tutta la notte) come fosse l’ultimo. (Baciò la donna sua) come se fosse l’unica (ed ogni figlio suo) come se fosse il prodigo e attraversò la strada col suo passo comico. Salì la costruzione come fosse un solido. Alzò sul ballatoio due pareti magiche, mattone per mattone in un disegno logico. Con gli occhi pieni zeppi di cemento e traffico, sedette a riposare come fosse un principe, mangiò pane e formaggio come fosse il massimo, bevette e singhiozzò come se fosse macchina, ballò e gorgogliò come se fosse il prossimo ed inciampò nel cielo come se ascoltasse musica. E fluttuò nell’aria come fosse sabato. A terra si afflosciò come un pacchetto timido, agonizzò nel mezzo del passaggio naufrago. Si spense contromano ostacolando il pubblico. Amò tutta la notte come fosse macchina. (Baciò la donna sua come se fosse logico) Alzò sul ballatoio due pareti flaccide. (Sedette a riposare come fosse un passero) e fluttuò nell’aria come fosse principe, a terra si afflosciò come un pacchetto comico. Si spense contromano ostacolando il sabato.

Autoría: Chico Buarque / Sergio Bardotti (Gianni Ronco: autor de la ilustración para la portada de “E poi… la tua boca da baciare”, disco publicado por Ornella Vanoni en 2001)

Ferrara sotto le stelle

Programma

16 giugno – Nuova Darsena

VENERUS + Matilde Davoli

La musica come esperienza di trasporto, un traghetto verso altri mondi. La ricerca. La banda di musicisti si fa ordine metareligioso: stanno cercando qualcosa attraverso i suoni e le vibrazioni. Cercano dei messaggi, degli indizi da dimensioni intersecate con la nostra. Sono a metà tra il di qua e il di là. Credono in un antico messaggio che li unisce e li motiva nella loro missione evangelica. Sono angeli in altre vite. Si servono del pubblico per potenziare la loro invocazione. Venerus li guida come capotribù attraverso nuove ricerche musicali. La band è ricca di sfaccettature sonore e cromatiche, retrofuturismo, un passo nel passato per lanciarsi nel futuro.

Più che un concerto si tratta di un rituale complesso, digeribile attraverso i principi lenitivi della musica, un viaggio per i mondi. Il pubblico non sa cosa aspettarsi, non ritroverà Venerus e i suoi dove li aveva lasciati, non conoscerà nuovi testi, nuove melodie, ma non verrà tradito.

———

Venerdì 17 giugno | Nuova Darsena
COSMO  – WHITEMARY

Dietro COSMO, uno dei nomi di spicco della nuova musica italiana, si cela Marco Jacopo Bianchi, 35 anni, ex professore di storia di Ivrea. Il 21 maggio 2021 Cosmo pubblica il nuovo disco LA TERZA ESTATE DELL’AMORE, evocante le rivoluzionarie vibrazioni delle Summer of love del passato – sentimenti collettivi e viscerali, reazioni generazionali tutte da ballare. LA TERZA ESTATE DELL’AMORE è stato anticipato da un annuncio unico nel suo genere, che ha visto la musica di Cosmo manifestarsi a sorpresa in parchi cittadini, case abbandonate e luoghi di aggregazione culturale messi a dura prova durante la pandemia.

Ad aprire Whitemary: cantante e producer, la sua musica è impulsiva, terapeutica, esorcizzante. Testi in italiano, sintetizzatori analogici, una laurea in canto jazz e una fissa per la techno.

———

Sabato 18 Giugno 2022 | Nuova Darsena

THE JESUS AND MARY CHAIN + Marta Del Grandi

Band di culto degli anni Ottanta, i Jesus and Mary Chain, hanno rivoluzionato con il loro stile e la loro musica la scena di un’intera generazione. Punto di riferimento della scena musicale londinese post Sex Pistols, ispirati da band come The Stooges e Velvet Underground, i JAMC hanno dato vita a un nuovo genere musicale, lo shoegaze, diventando capofila di un movimento che annovera tra I suoi adepti artisti del calibro di My Bloody Valentine e Slowdive. La band, originaria di Glasgow, viene fondata dai fratelli William e Jim Reid (rispettivamente chitarrista e cantante) nel 1984.

———

19 giugno – Nuova Darsena

LA RAPPRESENTANTE DI LISTA + Ibisco

Domenica 19 Giugno torna La Rappresentante di Lista, band nata dall’incontro tra la cantante Veronica Lucchesi e il polistrumentista Dario Mangiaracina, reduci dal successo della partecipazione al Festival di Sanremo 2022 con Ciao Ciao e la rivisitazione del brano Be My Baby.

Il gruppo è ormai una garanzia per i fan più affezionati e una sorpresa per chi ha conosciuto il progetto in questi mesi e sta contribuendo al successo su tutti i livelli di “CIAO CIAO”.

———

15 luglio – Piazza Trento Trieste

THE SMILE + Robert Stillman

I biglietti sono disponibili su TicketMaster, Ticketone e VivaTicket.

Il pensionato

Lo sento da oltre il muro che ogni suono fa passare,
l’ odore quasi povero di roba da mangiare,
lo vedo nella luce che anch’ io mi ricordo bene
di lampadina fioca, quella da trenta candele,
fra mobili che non hanno mai visto altri splendori,
giornali vecchi ed angoli di polvere e di odori,
fra i suoni usati e strani dei suoi riti quotidiani:
mangiare, sgomberare, poi lavare piatti e mani.

Lo sento quando torno stanco e tardi alla mattina
aprire la persiana, tirare la tendina
e mentre sto fumando ancora un’altra sigaretta,
andar piano, in pantofole, verso il giorno che lo aspetta
e poi lo incontro ancora quando viene l’ ora mia,
mi dà un piacere assurdo la sua antica cortesia:
“Buon giorno, professore. Come sta la sua signora?
E i gatti? E questo tempo che non si rimette ancora…”

Mi dice cento volte fra la rete dei giardini
di una sua gatta morta, di una lite coi vicini
e mi racconta piano, col suo tono un po’ sommesso,
di quando lui e Bologna eran più giovani di adesso…

Io ascolto e i miei pensieri corron dietro alla sua vita,
a tutti i volti visti dalla lampadina antica,
a quell’ odore solito di polvere e di muffa,
a tutte le minestre riscaldate sulla stufa,
a quel tic-tac di sveglia che enfatizza ogni secondo,
a come da quel posto si può mai vedere il mondo,
a un’ esistenza andata in tanti giorni uguali e duri,
a come anche la storia sia passata fra quei muri…

Io ascolto e non capisco e tutto attorno mi stupisce
la vita, com’è fatta e come uno la gestisce
e i mille modi e i tempi, poi le possibilità,
le scelte, i cambiamenti, il fato, le necessità
e ancora mi domando se sia stato mai felice,
se un dubbio l’ ebbe mai, se solo oggi si assopisce,
se un dubbio l’ abbia avuto poche volte oppure spesso,
se è stato sufficiente sopravvivere a se stesso…

Ma poi mi accorgo che probabilmente è solo un tarlo
di uno che ha tanto tempo ed anche il lusso di sprecarlo:
non posso o non so dir per niente se peggiore sia,
a conti fatti, la sua solitudine o la mia…

Diremo forse un giorno: “Ma se stava così bene…”
Avrà il marmo con l’ angelo che spezza le catene
coi soldi risparmiati un po’ perchè non si sa mai,
un po’ per abitudine: “eh, son sempre pronti i guai” .
Vedremo visi nuovi, voci dai sorrisi spenti:
“Piacere”, “E’ mio”, “Son lieto”, “Eravate suoi parenti?”
E a poco a poco andrà via dalla nostra mente piena:
soltanto un’ impressione che ricorderemo appena…

Canzone per la prima volta pubblicata nell’album “Via Paolo Fabbri 43” del 1976

https://www.viafabbri43.net/testo-canzone/Il-pensionato

Ferrara in jazz

ll Jazz Club Ferrara, già “Circolo amici del jazz”, inizia la propria attività alla fine degli anni ’70. Da allora, senza alcuna interruzione, ha dato vita a ricche e prestigiose manifestazioni animate da nomi illustri della storia del jazz internazionale come Miles Davis, Ornette Coleman, Michel Petrucciani, McCoy Tyner, George Benson, Wynton Marsalis e molti altri.
Dal 1999 il Jazz Club opera nella sede del Torrione San Giovanni, splendido bastione rinascimentale (1493) e gioiello delle antiche mura estensi tutelato da UNESCO, all’interno del quale – grazie al contributo della Regione Emilia-Romagna, del Comune di Ferrara e di Endas Emilia-Romagna – si svolge Ferrara in Jazz, rassegna concertistica che consta di oltre ottanta concerti (da ottobre a maggio).

Da ottobre a dicembre il pubblico del Jazz Club Ferrara potrà così godere di oltre 40 appuntamenti, molti dei quali fruibili anche in modalità streaming, che coinvolgono oltre 100 artisti del calibro di Fabrizio Bosso, Seamus Blake, Maria Pia De Vito, Christian Sands, Roberto Taufic, Emmet Cohen, Roberto Gatto, Linda May Han Oh, Peter Bernstein, Tiziana Ghiglioni, il Trio Bobo, Don Byron e Aruán Ortiz, Joëlle Léandre, Antonio Faraò, Graig Taborn, Alfio Antico, Massimo Faraò, Uri Caine, Ralph Alessi, Zeno De Rossi, Giancarlo Schiaffini, Ches Smith, Francesco Cusa, George Cables, Fabrizio Puglisi, Piero Odorici e moltissimi altri.

Programma

Sabato 25 settembre, ore 21.30 Opening Concert Tower Jazz Composers Orchestra ‘So Long Marco’ Alfonso Santimone, direzione, pianoforte, elettronica – Marta Raviglia, voce – Sandro Tognazzo, flauti – Piero Bittolo Bon, sax alto, clarinetti, flauti – Gianluca Fortini, clarinetti, sax alto – Francesco Bigoni, sax tenore, clarinetto – Leonardo Rosselli, sax tenore, sax soprano – Giulia Barba, sax baritono, clarinetto basso – Gabriele Cancelli, Pasquale Paterra e Paolo Petrecca, tromba e flicorno – Federico Pierantoni, Lorenzo Manfredini, Max Ravanello e Valentino Spaggiari, trombone – Glauco Benedetti, tuba – Federico Rubin, pianoforte – Luca Chiari, chitarra elettrica e acustica – Stefano Dallaporta, contrabbasso e basso elettrico – Simone Sferruzza e Andrea Grillini, batteria – William Simone, percussioni Concerto omaggio all’artista ferrarese Marco Jannotta, carissimo amico del Torrione.
Giovedì 30 settembre
Fresch & Bold
I concerti dei docenti e degli allievi del Conservatorio “G. Frescobaldi” di Ferrara
Abbuehl – Puglisi – Paoli
Susanne Abbuhel, sassofoni e clarinetti; Fabrizio Puglisi, pianoforte; Walter Paoli, batteria. Venerdì 01 ottobre, ore 21.30  Au bord de l’eau Quai Des Brumes Federico Benedetti, clarinetto; Tolga During, chitarra, Roberto Bartoli, contrabbasso;  Piercarlo Fei, violino; Massimo Mantovani, violino; Julie Shepherd, viola; Giacomo Grespan, violoncello Sabato 02 ottobre, ore 21.00 e 22.30 In collaborazione con Crossroads – Jazz e altro in Emilia-Romagna Seamus Blake Trio Seamus Blake, sax tenore; Dario Deidda, basso elettrico; Greg Hutchinson, batteria Domenica 03 ottobre, ore 18.30 Cabeki “Da qui i grattacieli erano meravigliosi” Andrea Faccioli, chitarra acustica, sintetizzatore, drum machine + Francesco Serra ‘Trees Of Mint’ Francesco Serra, chitarra elettrica e rullanti Giovedì 07 ottobre, ore 21.30 Succi – Puglisi – Dallaporta – Paoli Achille Succi, sassofoni e clarinetti; Fabrizio Puglisi, pianoforte; Stefano Dallaporta, contrabbasso; Walter Paoli, batteria Venerdì 08 ottobre, ore 21.30 Francesco Cusa & The Assassins Giovanni Benvenuti, sax tenore; Valeria Sturba, voce, theremin e violino; Ferdinando Romano, contrabbasso; Francesco Cusa, batteria Sabato 09 ottobre, ore 21.00 e 22.30 De Vito – Taufic – Rossi Linha de Passe Maria Pia de Vito, voce; Roberto Taufic, chitarra; Roberto Rossi, batteria e percussioni Domenica 10 ottobre, ore 18.30 Geilerdreier Giulia Barba, clarinetto basso; Piero Bittolo Bon, clarinetto basso; Gianluca Fortini, clarinetto basso e soprano Giovedì 14 ottobre, ore 21.30 Past1trio Federico Rubin, pianoforte; Stefano Galassi, contrabbasso; Gianfilippo Invincibile, batteria + Revealing Melba – A Heartfelt Tribute to Melba Linston’s Music Valeria Burzi, voce; Chiara Lazzerini, trombone; Marco Rossi, pianoforte; Stefano Galassi, contrabbasso e basso elettrico; Marco Garbin, batteria Venerdì 15 ottobre, ore 21.30 Duck Juice Lorenzo Manfredini, trombone; Luca Chiari, chitarra elettrica; Lorenzo Locorotondo, tastiere; Federico Perinelli, basso elettrico; Andrea Grillini, batteria Sabato 16 ottobre, ore 21.00 e 22.30 Emmet Cohen Trio Emmet Cohen, pianoforte; Yasushi Nakamura, contrabbasso; Kyle Poole, batteria Domenica 17 ottobre, ore 18.30 Wanderlust Dimitri Sillato – synth, tastiere, elettronica e violino; Fabrizio Puglisi – tastiere, arp odissey, elettronica, toys Giovedì 21 ottobre, ore 21.30 Divine Songs – A Tribute to Alice Coltrane Marta Raviglia, voce; Filippo Orefice, sassofoni e clarinetti; Daniele Santimone, chitarra; Stefano Dallaporta, contrabbasso; Walter Paoli, batteria Venerdì 22 ottobre, ore 21.30 Alfio Antico ‘Trema la Terra’ Alfio Antico, voce, tamburi, campane e storie; Mattia Antico, corde, elettronica ed effetti; Piero Bittolo Bon, fiati, basso ed elettronica; Luca Chiari, chitarre e tastiere Sabato 23 ottobre, ore 21.00 e 22.30 Linda May Han Oh Quartet Greg Ward, sax alto; Fabian Almazan, pianoforte e tastiere; Linda May Han Oh, contrabbasso e basso elettrico; Ziv Ravitz, batteria Domenica 24 ottobre, ore 18.30 Tower Jazz Composers Orchestra TBAGiovedì 28 ottobre, ore 21.30 Ars Antiqua World Jazz Ensemble Roberto Manuzzi, direzione; Rachele Amore, voce e percussioni; Erica Ruggiero pianoforte; Rosa Pitino vibrafono; Antonio Stragapede, mandolino; Stefano Guarisco, batteria; Raffaele Guandalini, basso e contrabbasso;  Davide La Rosa e Pietro Boarini, chitarre Ospiti della serata la pianista Paola Tagliani, il gambista Davide Zabbari, la cantante Simona Squarzoni e i docenti Stefano Melloni e Guido Querci + The Flute Orchestra Geoff Warren, flauto; Lucia Paccamiccio, Roberta Fogli Iseppe Cavalieri, Vanessa Candela, Ambra Bianchi, Lucia Carleschi, Daniele Rocchetta e Serena Semprini, flauti; Pasquale Morgante, pianoforte; Raffaele Guandalini, contrabbasso; Stefano Guarisco, batteria. Arrangiamenti di Geoff Warren e Roberto Manuzzi Venerdì 29 ottobre, ore 21.00 e ore 22.30 Trio Bobo Alessio Menconi, chitarra; Faso, basso elettrico; Christian Meyer, batteria Sabato 30 ottobre, ore 21.00 e 22.30 Ghiglioni – Léandre – Schiaffini Tiziana Ghiglioni, voce; Giancarlo Schiaffini, trombone; Joëlle Léandre, contrabbasso Domenica 31 ottobre, ore 18.30 Divina Marco Mangani, voce; Gioia Gurioli, voce; Massimo Ghetti, flauto; Daniele D’Alessandro, clarinetto; Alma Napolitano, violino; Pietro Fabris, violino; Enrico Mignani, violoncello; Denis Sarei, pianoforte; Dimitri Sillato, sintetizzatore; Alfonso Santimone, elettronica; Simone Sferruzza, percussioni Venerdì 05 novembre, ore 21.00 e 22.30 Craig Taborn – Ralph Alessi – Ches Smith Ralph Alessi, tromba; Craig Taborn, pianoforte; Ches Smith, batteria Sabato 6 novembre, ore 21.00 e 22.30 Christian Sands Trio Christian Sands, pianoforte; Yasushi Nakamura, contrabbasso; Ryan Sands, batteria Domenica 7 novembre, ore 18.30 Spell Hunger Piero Bittolo Bon – sax alto aumentato, feedback, elettronica Andrea Grillini – batteria, percussioni ed elettronica Venerdì 12 novembre, ore 21.30 Zeno De Rossi Trio ‘Elpis’ Francesco Bigoni, sax tenore e clarinetto; Giorgio Pacorig, pianoforte e pianoforte elettrico; Zeno De Rossi, batteria Sabato 13 novembre, ore 21.00 e 22.30 Peter Bernstein Quartet Peter Bernstein, chitarra; Sullivan Fortner, pianoforte; Doug Weiss, contrabbasso; Roberto Gatto, batteria Domenica 14 novembre, ore 18.30 Enrico Mignani “Ai confini del violoncello: un’esperienza in suoni” Enrico Mignani, violoncello Venerdì 19 novembre, ore 21.30 Nausyqa Antonio Moreno, tromba e tastiere; Miguel Valente, sassofoni; Antonio Todisco, chitarra elettrica; Jelle Willems, pianoforte; Richard Nacinelli, basso elettrico; Pedro Nobre, batteria + Tommaso Perazzo Trio Tommaso Perazzo, pianoforte; Marco Zenini, contrabbasso; Marcello Cardillo, batteria Sabato 20 novembre, ore 21.00 e 22.30 Fabrizio Bosso Quartet WE4 Fabrizio Bosso, tromba e flicorno; Julian Oliver Mazzariello, pianoforte; Jacopo Ferrazza, contrabbasso; Nicola Angelucci, batteria Domenica 21 novembre, ore 18.30 Tower Jazz Composers Orchestra TBAVenerdì 26 novembre, ore 21.30 Luca Sguera Aka Francesco Panconesi, sax tenore; Luca Sguera, pianoforte e tastiere; Alessandro Mazzieri, basso elettrico e elettronica; Carmine Casciello, batteria Sabato 27 novembre, ore 21.00 e 22.30 Antonio Faraò Trio Antonio Faraò, pianoforte; Ameen Saleem, contrbbasso; Bruce Ditmas, batteria Domenica 28 novembre, ore 18.30 Naddei – Perinelli “Gemelli” Franco Naddei – synth, live electronics, drum machines, voce Gianni Perinelli – sax baritono, sax tenore, armonium, percussioni, synth Venerdì 03 dicembre, ore 21.30 Camila Ronza Trio Camila Ronza, voce; Caio Pamplona, contrabbasso; Henrique Gomide, pianoforte Sabato 04 dicembre, ore 21.00 e 22.30 Don Byron – Aruán Ortiz Duo Don Byron, sax tenore e clarinetto; Aruán Ortiz, pianoforte Domenica 05 dicembre, ore 18.30 ISTANTANEA [8] Massimo Ghetti, flauto; Daniele D’Alessandro, clarinetto; Pietro Fabris, violino; Alma Napolitano, violino; Marcello Salvioni, viola; Enrico Mignani, violoncello; Denis Zardi, pianoforte; Jordi Tagliaferri, percussioni; Tommaso Ussardi, direzione Martedì 7 dicembre, ore 21.00 e 22.30 Uri Caine Trio Uri Caine, pianoforte; Mark Helias, contrabbasso; Ben Perowsky, batteria; Venerdì 10 dicembre, ore 21.30 Fawda Reda Zine – guembrì e voce; Fabrizio Puglisi – piano elettrico, synth, percussioni e voce; Danilo Mineo – percussioni e voce; Brothermartino – MPC, synth, faluto e voce Sabato 11 dicembre, ore 21.00 e 22.30 George Cables Quartet Piero Odorici, sassofoni; George Cables, pianoforte; Darryl Hall, contrabbasso; Kyle Pool, batteria Domenica 12 dicembre, ore 18.30 Sliders Lorenzo Manfredini, trombone; Federico Pierantoni, trombone; Filippo Vignato, trombone Venerdì 17 dicembre, ore 21.30 Helga Plankensteiner ‘Jelly Roll’ Helga Plankensteiner, sax baritone, voce; Achille Succi, clarinetto basso; Glauco Benedetti, tuba; Michael Lösch, pianoforte; Marco Soldà, batteria Sabato 18 dicembre, ore 21.00 e 22.30 Massimo Faraò Afro – Cuban Jazz Quintet feat. Ernesttico Massimo Faraò, pianoforte; Davide Palladin, chitarra; Nicola Barbon, contrabbasso; Roberto “Bobo” Facchinetti, batteria; Ernesto Rodrigues “Ernesttico”, percussioni Domenica 19 dicembre, ore 18.30 Tower Jazz Composers Orchestra TBA

Dove

Jazz Club Ferrara – Torrione San Giovanni – Via Rampari di Belfiore, 167 – nei dispositivi GPS impostare indirizzo: Corso Porta Mare, 112) Ferrara

Quando

Dal 25 settembre  al 19 dicembre 2021

Orari

Url dell’evento

http://www.jazzclubferrara.com

Tariffe

Il Jazz Club Ferrara è affiliato all’Endas, per poter fruire della programmazione è necessario essere in possesso della tessera. E’ possibile associarsi anche all’interno del Torrione. L’ingresso prevede il possesso della certificazione verde Covid-19 e l’esibizione di un documento d’identità.

Contatti

Jazz Club Ferrara – Torrione San Giovanni – Via Rampari di Belfiore 167 phone 331 4323840 info e prenotazione cena, attivo tutti i giorni dalle ore 12 alle ore 22. mailjazzclub@jazzclubferrara.com

Jazz all’alba

Domenica 5 settembre

Ore 6.30 Concerto jazz all’alba con colazione offerta presso la Rocca Possente di Stellata. Jazzlife-Duo con Luca di Luzio, chitarra 7 corde e voce di Manuela Prioli. Accesso gratuito su prenotazione al numero 0532 899205 oppure presso l’atrio del Palazzo Municipale (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13). Prenotazione gratuita qui: Biglietteria Boxer Ticket Online – Concerto all’alba con colazione

Dalle ore 9.00 Mercato dei prodotti tipici del territorio presso Viale della Repubblica a Bondeno. Accesso libero senza prenotazione.

Dalle ore 15.00 Insieme in bicicletta da Bondeno a Stellata. Celebrazione del ventennale della ciclovia Destra Po, con partenza alle ore 15.00 presso Piazza Garibaldi a Bondeno, tappa all’impianto idrovoro Pilastresi di Stellata, e arrivo presso il Museo Archeologico Ferraresi di Stellata con visita guidata (anche alla sezione Museo dello Storione) e aperitivo. Partecipazione gratuita su prenotazione al numero 0532 899 205 oppure presso l’atrio del Palazzo Municipale (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13). 

Ore 17.30 Presentazione del libro Andrea Samaritani fotoreporter presso Casa Operaia di Bondeno, in collaborazione con l’associazione Bondeno Cultura. Accesso libero.

Ore 21.30 Il Grande Fiume al Cinema. Proiezione del film Lei mi parla ancora di Pupi Avati (2021) presso Piazza Garibaldi a Bondeno. Accesso gratuito su prenotazione al numero 0532 899 205 oppure presso l’atrio del Palazzo Municipale (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13). Prenotazione gratuita qui: Biglietteria Boxer Ticket Online – Il Grande Fiume al Cinema (ticka.it)

programma scorre A3 Tavola disegno 1

Arisa in concerto

Musica e cultura sbarcano a Bondeno il primo fine settimana di settembre. Venerdì 3, sabato 4 e domenica 5 andranno infatti in scena numerosi eventi, fra cui i concerti di Arisa e di Willie Peyote. Altre 8 iniziative completeranno il fine settimana. Si chiamerà Scorre – Il Festival. Suoni, parole, pensieri, e porterà sul territorio matildeo tre giorni di divertimento, arte e cultura per giovani e famiglie. L’evento è organizzato dall’associazione Per (Promoter Emilia-Romagna) congiuntamente al comune di Bondeno ed è risultato beneficiario di un finanziamento regionale. 

«Abbiamo lavorato dall’inizio di marzo per raggiungere questo ambizioso obiettivo – commentano soddisfatti il sindaco, Simone Saletti, l’assessore alla Cultura, Francesca Aria Poltronieri, e l’assessore alla Promozione del territorio, Michele Sartini –. Avere sul territorio dieci eventi culturali in tre giorni, fra cui i grandi artisti Arisa e Willie Peyote, oltre ad essere un orgoglio, è un risultato storico per la nostra comunità. Questo è il segno evidente di come il duro lavoro di promozione e di cura del territorio, a lungo andare, dia i suoi frutti. Ringraziamenti doverosi vanno ai membri dell’associazione Per – chiosano gli amministratori – con i quali l’intesa e la collaborazione sono state massime sin dall’inizio della progettazione. Loro hanno messo in campo tutta la professionalità maturata in decenni di organizzazione di eventi, e noi abbiamo dato tutto il supporto possibile, arrivando anche a finanziare per intero la serata del venerdì, ovvero il concerto di Arisa».

Venerdì 3 settembre

Ore 21.00 Concerto di Arisa presso Piazza Garibaldi a Bondeno (Fe). Concerto gratuito con prenotazione obbligatoria. Per scegliere il proprio posto a sedere si può accedere cliccando qui , oppure ci si può recare presso l’atrio del comune di Bondeno dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00.