Giornate europee del patrimonio

Giornate Europee del Patrimonio 2019

21 e 22 settembre 2019

Ferrara
Un fine settimana dedicato al patrimonio culturale italiano: musei aperti, iniziative e visite guidate
Programma
MUSEO DI CASA ROMEI Via Savonarola 30

>Sabato 21 settembre, apertura dalle ore 14 alle 22.30 (ultime ammissioni alle ore 22). Dalle 19.00 ingresso 1 euro.
ore 19.30 Inaugurazione e visita alla mostra 800/900
ore 20.00 concerto a cura del Conservatorio Frescobaldi di Ferrara. Segue rinfresco.
>Domenica 22 settembre apertura dalle ore 8.30 alle ore 18 (ultime ammissioni alle ore 17,30). Dalle 13.30 ingresso 1 euro.
ore 17.30 Visite guidate alla mostra 800/900
Info: tel. 0532 234130
MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE – Palazzo Costabili – Via XX Settembre 122
>21 settembre,  dalle 17.30 alle 20.30
Visita ai luoghi segreti del Museo
Visita guidata a cura della Direzione del Museo nei luoghi del Palazzo e delle corti solitamente non accessibili al pubblico. Si visiteranno i depositi del materiale archeologico ubicati nel sottotetto e nel sotterraneo del palazzo oltre ad alcuni ambienti con decorazioni pittoriche e stucchi decorati. Ingresso 1 euro
>22 settembre, ore 10-13
Il Giardino degli Dei
Visita guidata degli studenti del Liceo Scientifico A. Roiti di Ferrara all’interno del progetto Muse Inquietanti e dell’Alternanza Scuola-LAvoro. Gli studenti guideranno i visitatori all’interno del giardino del museo archeologico sottolineando gli aspetti botanici, fitoterapici e storico-mitologici legati alle piante del giardino. Sarà un’ottima occasione per apprezzare una novità: l’installazione dei supporti permanenti con foto e testi che permettono la fruizione chiara, stimolante e autonoma dei numerosi fiori e delle piante presenti in giardino. L’evento così come il progetto sono realizzati dal Museo in collaborazione con il Liceo Roiti e con la collaborazione del Garden Club di Ferrara.
Ingresso: 1 euro
Info: tel. 0532 66299  www.archeoferrara.beniculturali.it
PINACOTECA NAZIONALE– Corso Ercole I d’Este
21 settembre, ore 15.30
Una sera a casa del duca
Durante il Rinascimento, essere invitati a cena dal duca d’Este non era certo cosa da poco! Senza dubbio voleva dire partecipare a una grande abbuffata, ma non solo. Ogni invitato diventava il protagonista di una complessa macchina conviviale e teatrale, fatta di giochi, balli e intrattenimenti spettacolari.
Visitando il Salone d’Onore, gli appartamenti ducali e ammirando le grandi opere a tema, scopriremo insieme quali personaggi formavano “la squadra” che doveva mettere in scena gli straordinari banchetti del duca, leggeremo i menu dei grandi scalchi di corte e scopriremo quali ricette sono arrivate fino a noi, racconteremo degli svaghi e dei divertimenti che si tenevano tra una portata e l’altra. Infine, vestendo ciascuno il proprio personaggio come in un gioco di ruolo, apparecchieremo la grande tavola per il banchetto rinascimentale del duca. E che la festa abbia inizio!
L’attività, curata dalle operatrici didattiche di Prospectiva, è gratuita, inclusa nel regolare biglietto di ingresso.
Info: tel. 0532 205844
MEIS Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah Via Piangipane 81
22 settembre, ore 10.00 12.30
Il Rinascimento ebraico nelle Passeggiate patrimoniali.
Un porto sicuro
Ferrara, città in espansione e porto sicuro anche per gli ebrei. I luoghi di insediamento ebraico e il contributo degli ebrei alla fioritura culturale della città Rinascimentale, dal “Porto Sicuro” all’Addizione Erculea. La passeggiata toccherà gli spazi di vita degli ebrei a Ferrara, da via Centoversuri proseguendo il percorso negli spazi della città ideale dei Duchi d’Este, il Castello, corso Ercole I d’Este per giungere in Parco Massari. Verrà affrontato il racconto della trasformazione architettonica e culturale dal Medioevo al Rinascimento. La visita avrà inizio all’interno del Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah e alla mostra Il Rinascimento parla ebraico, con particolare attenzione alla produzione letteraria e artistica del periodo. Al termine del percorso verranno letti alcuni brani di autori ebrei, da Leone Ebreo a Immanuel Romano.
Partecipazione gratuita
Info: 0532 769137 – 3494564928  www.meisweb.it
ARCHIVIO DI STATO DI FERRARA Corso della Giovecca 146
22 settembre, ore 16.00-19.00
Ospedale psichiatrico e oltre: vite, storie, testimonianze
La relazione della dott.ssa Giulia Presini, le letture del gruppo teatrale “Gli Acchiappastorie” e la mostra fotografica di Vittorio Ardizzoni e Michela Bedini convergono nell’incontro dedicato all’Ospedale Psichiatrico provinciale, alle ore 16.00 presso la Sala Esposti dell’Archivio di Stato di Ferrara.
Il tema del disagio e dell’inquietudine sarà ulteriormente sviluppato attraverso una selezione di pannelli della mostra fotografica Foto Poesia di Vittorio Ardizzoni e Michela Bedini.
La ricchezza e la drammaticità delle testimonianze offerte sia dalla documentazione degli ospedali psichiatrici, per la quale sarà allestita una piccola esposizione, sia dalla mostra fotografica saranno valorizzate dalle letture animate del gruppo teatrale “Gli Acchiappastorie”.
La mostra fotografica e l’esposizione documentaria rimarranno allestite e visitabili nei normali orari di apertura dell’Istituto fino al 10 ottobre.
Ingresso gratuito
Info: tel. 0532 206668
CENTRO DI DOCUMENTAZIONE DEL MONDO AGRICOLO FERRARESE
Via Imperiale, 263 Loc. San Bartolomeo in Bosco
22 settembre, ore 16.00-19.30
Attendendo l’autunno: immagini, storie & cantastorie al MAF
Attività culturali varie: presentazione mostre fotografiche a tema appenninico di Luigi Riccioni, in collaborazione con il Gruppo di Studi “Gente di Gaggio”, di Gaggio Montano (Bologna); presentazione del volume “Il mostro al Saraceno. Romanzo umoristico di una storia vera”, di Bruno Sgarzi, Andrea Poli e Luca Ghetti (Festina Lente Edizioni, Ferrara, 2019); incontro-spettacolo con il cantastorie veronese Otello Perazzoli.
Ingresso gratuito
Info: tel. 0532 725294
Url dell’evento
http://www.beniculturali.it

800/900

800/900

Dal 22 settembre al 1 dicembre 2019

Ferrara – Palazzina Marfisa d’Este, Corso Giovecca 170 – Casa Romei, Via Savonarola, 30 – Palazzo Bonacossi, Via Cisterna del Follo, 5
Cultura e società nell’opera degli artisti ferraresi dalle Raccolte GAMC, Assicoop Modena&Ferrara, BPER Banca
Contatti
Ufficio Informazioni e Prenotazioni Mostre e Musei C.so Ercole I d’Este, 21
tel. 0532 244949
fax 0532 203064
diamanti@comune.fe.it
Ingresso
– Museo di Casa Romei
Via Savonarola 28-30
Domenica – mercoledì 8.30-14; giovedì – sabato 14-19.30
Intero € 5 / Ridotto € 2. Gratuito fino ai 18 anni
– Palazzo Bonacossi
Via Cisterna del Follo 5
Domenica e lunedì 9-13, da martedì a sabato 9-18. Aperto anche il 1 novembre
Ingresso gratuito
– Palazzina Marfisa d’Este
Corso Giovecca 170
Martedì – domenica 9.30-13 / 15-18
Intero € 4 / Ridotto € 2. Gratuito fino ai 18 anni

Inaugurazione della mostra: Sabato 21 settembre
>Palazzina Marfisa d’Este, ore 17:30
Saluti e visita alla mostra
>Palazzo Bonacossi, ore 18:30
Visita alla mostra
>Museo di Casa Romei, ore 19:30
Visita alla mostra e concerto a cura del Conservatorio Frescobaldi di Ferrara
A seguire rinfresco

Commemorazione 9 settembre 1943

SAN FELICE SUL PANARO – Domenica 15 settembre San Felice sul Panaro ricorda il sacrificio dell’Ammiraglio d’Armata M.O.V.M Carlo Bergamini e degli uomini della sua flotta nel 76esimo anniversario dell’affondamento della Corazzata Roma.

Carlo Bergamini, nato a San Felice sul Panaro il 24 ottobre 1888, dal 5 aprile 1943 ebbe il comando in capo della Squadra navale italiana da battaglia con insegna sulla nave Roma. La notte del 9 settembre 1943 salpò da La Spezia, obbedendo agli ordini, per raggiungere la destinazione concordata dalle clausole dell’armistizio. Alle 15.10 subì l’azione aerea tedesca con bombe radioguidate, due delle quali colpirono la Roma che, anche a causa dell’esplosione di depositi di munizioni, affondò in due tronconi alle 16 circa. Persero la vita 1.352 uomini dell’equipaggio e lo stesso ammiraglio.

Questo il programma della cerimonia aperta a tutta la cittadinanza:

The post San Felice ricorda Carlo Bergamini e la corazzata Roma appeared first on SulPanaro | News.

Carta di identità elettronica

Dire che il futuro è dietro l’angolo può sembrare una frase fatta, ma in un mondo che procede ormai spedito verso la dematerializzazione dei documenti, la carta d’identità elettronica è destinata a diventare una chiave d’accesso ad una pluralità di servizi, che si gestiranno sempre più in rete. «Il primo semestre di sperimentazione del servizio ha proceduto in modo egregio: sono state erogate 1014 carte d’identità elettroniche, nel Comune di Bondeno, con una campagna di informazione per gestire il passaggio dalle vecchie carte d’identità cartacee al nuovo modello che ha utilizzato i media, il sito istituzionale ed anche la corrispondenza diretta con i cittadini», avverte il sindaco di Bondeno, Fabio Bergamini. Per esempio, in vista dell’avvio dell’erogazione della Cie (la “carta d’identità elettronica; ndr) seicento cittadini in possesso del vecchio documento in scadenza sono stati contattati dagli uffici comunali, per avvertire delle novità introdotte. «Bondeno sta gestendo questa progressiva transizione con un’agenda che permette al cittadino di prendere appuntamento e non attendere più di dieci-quindici minuti per le pratiche necessarie (questi sono i tempi tecnici necessari; ndr). Altrove, dove si utilizza l’Agenda digitale fornita dal Ministero, i tempi di attesa possono dilatarsi anche in mezz’ora – sottolinea il vicesindaco con delega all’Innovazione tecnologica, Simone Saletti –. Tempi che, gestendo in maniera autonoma l’agenda, permettono di rilasciare un maggior numero di documenti ogni mattina». Il servizio procede ora attraverso appuntamento (chiamando lo 0532-899282, oppure lo 0532-899211, o inviando una mail: anagrafe@comune.bondeno.fe.it, urp@comune.bondeno.fe.it). Un modo per personalizzare la procedura, sulla base dei tempi e degli impegni del cittadino. Ma come funziona il servizio? Per ottenere la carta d’identità in formato elettronico sarà sufficiente recarsi su appuntamento all’Urp-servizi anagrafici, con una fototessera e la modulistica descritta sul sito del Comune di Bondeno. Per richiedere il documento è obbligatorio prendere un appuntamento e, nel giorno fissato, recarsi all’Anagrafe. Il tempo necessario per le procedure burocratiche è di circa 10-15 minuti, dopodiché la tessera elettronica che sostituisce la vecchia carta d’identità arriverà dal Poligrafico dello Stato agli stessi uffici anagrafici, oppure all’indirizzo indicato dal cittadino. Il costo della carta d’identità elettronica è di complessivi 22,20 euro, di cui 16,79 sono costi fissi per la stampa e la spedizione a cura del Poligrafico e Zecca dello Stato. Una raccomandazione, invece, arriva dall’Anagrafe: «In qualche caso – sottolineano gli uffici del municipio – i cittadini si presentano all’appuntamento con fototessere che non sono adeguate, dove il soggetto è ritratto con gli occhiali scuri o leggermente di profilo. Questo implica di dover prendere un altro appuntamento e perdere tempo prezioso. La foto deve ritrarre il cittadino di fronte, essere conforme alle norme Icao, ed essere recente (possibilmente degli ultimi sei mesi), senza essere stata piegata, spillata, presentare scritte o essere manomessa e danneggiata. Va bene sia un’immagine in stampa fotografica, che una scansione digitale, che in questo caso dovrà avere una definizione di 400 dpi, una dimensione di 500 kb e il formato Jpeg. La quale potrà essere portata agli uffici per mezzo di una comune chiavetta Usb».

Contributo per libri di testo

E’ stato riconfermato anche quest’anno il contributo comunale per l’acquisto dei libri di testo, rivolto agli studenti che inizieranno il loro percorso alle scuole secondarie di primo e secondo grado, ovvero quelle che un tempo si chiamavano “medie” e “superiori”, per capirsi. Il Comune di Bondeno ha provveduto a pubblicare all’albo pretorio l’avviso per il rimborso delle spese sostenute dalle famiglie per l’iscrizione dei propri figli per l’acquisto dei materiali di studio. «Continuiamo ad investire risorse sulla scuola, come abbiamo fatto durante gli ultimi anni, andando a finanziare il corposo servizio di trasporto scolastico, le borse di studio per gli studenti universitari meritevoli che risiedono sul nostro territorio, ed anche contribuendo all’acquisto dei libri di testo da parte delle famiglie – dice l’assessore alla scuola, Francesca Aria Poltronieri –. Soprattutto perché, in questo momento dell’anno, diventa fondamentale sostenere le spese dell’istruzione, che gravano in maniera significativa sul budget familiare». Ci sarà tempo fino al 31 ottobre, per presentare la domanda di accesso ai contributi per l’acquisto dei libri di testo, per gli studenti iscrittisi alla prima media (secondaria inferiore) o prima superiore (secondaria di secondo grado), attraverso un apposito modulo scaricabile dal sito o reperibile all’Urp del Comune:  «Il contributo inizialmente previsto è stato portato da 100 a 150 euro, per fronteggiare il “caro libri”. Mentre per l’acquisto dei testi necessari alla prima Liceo o all’Ipssc il contributo sarà di 300 euro. Per accedere al contributo – conclude – occorrerà di mostrare di aver fatto l’acquisto dei libri in un negozio di vicinato di Bondeno (non nella grande distribuzione; ndr) allegando lo scontrino di pagamento o certificazione d’acquisto e, ovviamente, non presentare morosità nei confronti dell’Ente». Anche questo è un modo per incentivare l’acquisto a “Km zero” nelle attività commerciali di Bondeno.

MODELLI SCARICABILI PER IL CONTRIBUTO AI LIBRI DI TESTO

https://ivipro.it/it/ivipro-days-2019/

Videogiochi. Patrimonio. Turismo: le attività di Ivipro sono indirizzate alla valorizzazione del territorio e del patrimonio italiano attraverso i videogiochi, proponendo una serie di percorsi mirati a favorire e stimolare il processo di divulgazione e riscoperta culturale.
Immagine dell'evento

Non solo film e serie tv, ma anche i videogiochi sono diventati veicolo di trasmissione di cultura e strumento di promozione del territorio: lo conferma il fenomeno Assassin’s Creed II, titolo videoludico del 2009 ambientato in Toscana che è stato causa di un aumento del turismo nelle città riprodotte virtualmente, in particolare per la piccola Monteriggioni nel senese che è diventata vero luogo di culto per gli appassionati della serie.

Incontri di approfondimento con più di venti ospiti internazionali, game designer, studi di sviluppo e istituzioni, tra cui il francese Florent Maurin, Vít Sisler, Lara Oliveti e tante testimonianze sulla rappresentazione dell’Italia e dell’Emilia-Romagna nei videogiochi, come quella del progetto ferrarese #WeArePalio di Innovative Management.

Programma

 

– Sabato 14
10.30 Introduzione e saluti istituzionali.
11.00 The sidewalk and the smart city. Stories of sensors, photographs,
submarines, and robots. Lecture di Gabriele Ferri (Amsterdam University of Applied Sciences)[IN INGLESE]
12.00 Convey meaning with text messages: Bury Me, My Love and Mμ. Lecture di Florent Maurin (Le Pixel Hunt) [IN INGLESE]
13.00 Pausa pranzo
14.30 Dalla cultura popolare al videogame: Football Drama e Hundred Days. Conversazione con Pietro Polsinelli (Open Lab Games) ed Elisa Farinetti (Broken Arms Games)
15.30 Myths, legends and tourism in the psychological horror game Someday You’ll Return. Lecture di Jan Kavan (CBE Software) [IN INGLESE] 16.30 L’Emilia-Romagna nei videogiochi: esperienze in regione. Conversazione con Stefano Rossitto (Madit Entertainment), Mauro Guerra (ex sindaco di San Leo), Lara Oliveti (Melazeta), Giancarlo Bechicchi (Innovative Management)
18.00 Aperitivo Networking
—————-
– Domenica 15
10.00 Educare al territorio, divulgare il patrimonio Conversazione con Elisabetta Modena (Accademia di Belle Arti SantaGiulia), Federica Pascotto & Giovanna Hirsch (Art Stories), Rosy Nardone (Università di Bologna)
11.00 Designing Serious Games on Contemporary History. Lecture di Vít Sisler (Charles University) [IN INGLESE]
12.00 Videogiochi e musei: quale direzione? Conversazione con Paola Desantis (Museo Archeologico Nazionale di Ferrara – Polo Museale Emilia-Romagna), Antonella Pinna (Servizio Musei, Archivi e Biblioteche Regione Umbria), Maurizio Amoroso (Entertainment Game Apps), Michele
Scioscia (Effenove)
13.00 Pausa pranzo
14.30 Unexpectedly Italian: glimpses of another Italy in Santa Ragione’s games. Lecture di Pietro Righi Riva (Santa Ragione) [IN INGLESE]
15.30 Industria, audiovisivo e turismo: il pixel della situazione. Conversazione con Stefania Ippoliti (Italian Film Commissions), Fabio Abagnato (Emilia-Romagna Film Commission), Adriano Bizzoco (AESVI), Andrea Dresseno (IVIPRO)

Presentazioni libri

Da settembre a giugno incontri, conferenze e dibattiti alla Biblioteca Ariostea.

  • Settembre 2019

  • Ferrara – Biblioteca Comunale Ariostea – Via Scienze, 17
  • Programma:
    mercoledì 11 settembre, ore 15
    I poeti del mondo
    Sotto il ginkgobiloba dell’Ariostea il primo incontro in Italia dei poeti del mondo
    Coordineranno l’evento Stefano Caranti (segretario nazionale Poetas del Mundo in Italia), Giuseppe Ferrara e Federica Graziadei.
    Il Gruppo Scrittori Ferraresi ospiterà a Ferrara dal 6 al 15 settembre dodici poeti sudamericani appartenenti al Movimiento Poetas del Mundo con il fondatore e scrittore Luis Arias Manzo.
    venerdì 13 settembre, ore 17 Conferenze e Convegni
    Adriano Olivetti: la concretezza dell’utopia
    Conferenza di Paolo Veronesi
    Presenta Tito Cuoghi
    lunedì 16 settembre, ore 17 Incontro con l’autore
    Il muro del paradiso. Dialoghi sulla religione per il terzo millennio
    Presentazione del libro di Marco Vannini e Roberto Celada Ballanti
    Introduce Marcello Girone Daloli.
  • http://archibiblio.comune.fe.it
  • Ingresso: libero.

Contatti

Biblioteca Comunale Ariostea – Sala Agnelli – Via Scienze 17 – Ferrara

tel. 0532 418212

Incontri all’Ibs + Libraccio

Presentazioni librarie

  • Settembre 2019

  • Ferrara – Ibs + Libraccio – Palazzo di San Crispino – Piazza Trento Trieste
  • Programma:
    Venerdì 13 settembre, ore 18:00
    Daniele Trevisani
    Parliamoci chiaro
    Il modello delle quattro distanze per una comunicazione efficace e costruttiva
    Dialoga con l’autore Lorenzo Manfredini
    Venerdì 13 settembre, ore 20:00
    Gruppo di lettura Due pagine prima di dormire
    Silvia Volpi
    Alzati e corri, direttora
    Libri in lettura condivisa
    «Lei mi parla ancora» di Giuseppe Sgarbi
    «Le ricette della Signora Tokue» di Durian Sukegawa
    Sabato 14 settembre, ore 18:00
    Marcello Simoni
    Il lupo nell’abbazia
    Dialoga con l’autore Camilla Ghedini
  • http://negozi.libraccio.it/eventi
  • Ingresso: libero

Contatti

Ibs.it bookshop – Piazza Trento e Trieste – Palazzo S. Crispino – Ferrara

tel. Tel. 0532 241604

Programma degli incontri al MEIS

Incontri e conferenze al MEIS – Programma settembre 2019

  • 10 settembre 2019

  • Sedi varie vedi programma. MEIS – Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah – Via Piangipane, 81 – Ferrara
  • Programma:

    > 10 settembre, ore 15.00 Ingresso gratuito

    Convegno “Rinascimento plurale – ibridazioni linguistiche e socioculturali tra Quattro e Cinquecento”
    Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah – MEISHOP – Via Piangipane, 81
    Legato alla mostra, il MEIS in collaborazione con l’Italienzentrum della Freie Universität Berlin e la Fondazione Palazzo Bondoni Pastorio, organizza la conferenza “Rinascimento plurale – ibridazioni linguistiche e socioculturali tra Quattro e Cinquecento”.
    Il convegno, che ha una giornata al MEIS e una a Castiglione delle Stiviere, è l’occasione per discutere alcune delle correnti che costituiscono la pluralità del Rinascimento, un periodo sfaccettato e variegato fatto di incontri, scontri, momenti di armonia e di cesura.
    Programma: dopo i saluti del direttore del MEIS Simonetta Della Seta, Giulio Busi introduce e modera i relatori.
    Interventi: “Sociologia dell’ebraismo in Italia durante il Rinascimento: un primo bilancio” di Silvana Greco (Freie Universität Berlin); “Dal sacco di Roma alla fine del mondo: profezie cabbalistiche tra le carte di Egidio da Viterbo” di Saverio Campanini (Università degli Studi di Bologna) e “Voci della cabbalah: secondo l’opinione di Pico della Mirandola” di Raphael Ebgi (Freie Universität Berlin).
  • https://www.meisweb.it/

Contatti

Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah – Via Piangipane 81 – Ferrara

tel. Ufficio Stampa: tel. +39 0532 769137. Biglietteria: 342 5476621. Info e prenotazioni call center: 848082380 attivo tutti i giorni dalle 9.00 alle 18.00, escluso i festivi.
fax fax +39 0532 711772

Note e Letture di Fine Estate

Rassegna di eventi culturali e comunitari in programma ogni martedì e giovedì in via Gobetti: presentazione di libri, esibizioni musicali e una ‘cena in strada’ aperta a tutti gli interessati.

  • Dal 10 settembre al 1° ottobre.

  • Via Gobetti – Ferrara
  • Programma:
    Martedì 10 settembre, ore 18.30: presentazione libro di Leonardo Rosa “Lo spirito che muove la giostra”, a cura di Giorgio Ferroni.
    Giovedì 12 settembre, ore 18.30: presentazione libro di Lina Amicucci “L’Afghanistan in Millecento”, a cura di Giorgio Ferroni. Durante la presentazione saranno proiettate fotografie “del viaggio in un mondo ormai perduto”.
    Per info e prenotazioni: associazionegsmferrara@gmail.com
  • Ingresso: gratuito

 

Progetto per il Palacinghiale

Il progetto definitivo-esecutivo per la ricostruzione del Palacinghiale è stato approvato, a dieci mesi dal fortunale che distrusse l’impianto sportivo della frazione di Ponte Rodoni. Nell’ultima riunione di Giunta, è stato approvato il progetto definitivo che consentirà a breve di ricostruire la struttura geodetica. «Il Palacinghiale è una struttura sportiva che tanti ci invidiano – dicono il sindaco Fabio Bergamini ed il vicesindaco con delega allo sport Simone Saletti –. Vedendo i danni che erano stati provocati dal maltempo di novembre, sembrava quasi impossibile vederlo ricostruito, ma lavorando pazientemente siamo riusciti ad ottenere (tramite rimborsi assicurativi e regionali) tutti i fondi necessari alla sua ricostruzione». Circa 170mila euro in tutto, dei quali 120mila derivanti dai risarcimenti assicurativi. In parte, tali risorse sono già state utilizzate per i primi interventi di demolizioni e sgomberi delle parti danneggiate. Ora, si lavorerà al ripristino della copertura e delle funzionalità della palestra. Oltreché per la sistemazione dell’impianto elettrico, con la posa dei nuovi serramenti ed i nuovi arredi dei locali. In luglio, invece, era già partito il lotto relativo alla sostituzione della pavimentazione e il manto. Il costo complessivo degli interventi sarà di 168mila e 298 euro.